Bando Welfare - Fondazione Carivit Viterbo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bando Welfare

Contributi

FONDAZIONE CARIVIT
Bando Welfare di Comunità



OGGETTO DEL BANDO
La Fondazione Carivit,  per il perseguimento dei propri fini istituzionali volti al sostegno di attività  di utilità sociale, ha stabilito  di finanziare  per l’esercizio 2020  progetti, iniziative o attività di carattere non commerciale ideate e realizzate da terzi sul territorio della provincia di Viterbo,  con caratteristiche e contenuti  conformi  alle linee generali di indirizzo stabilite nel Documento Programmatico Previsionale 2020 della Fondazione stessa  nei confronti  dei settori  del Volontariato, filantropia e beneficenza e della Salute pubblica medicina preventiva e riabilitativa.

L’obiettivo è quello di sostenere  la realizzazione di  servizi di prossimità,  in grado di risultare sostenibili nel tempo,  attraverso attività  a carattere  socio-sanitario.

Le  risorse messe a disposizione  del presente Bando Welfare di Comunità sono pari a € 70.000,00 con importo massimo assegnabile per singolo intervento non superiore a     €  7.000,00.
Ciascun soggetto richiedente potrà presentare  domanda di finanziamento per una sola iniziativa: in ogni caso la Fondazione  prenderà in esame quella protocollata con data precedente.
Il finanziamento richiesto, in aderenza al principio di sussidiarietà proprio  dell’operare dell’intervento della Fondazione, non potrà superare il 50%  dell’importo previsto per la realizzazione dell’iniziativa medesima, fermo restando l’importo massimo assegnabile per ogni singolo intervento.

SOGGETTI AMMESSI
Il presente bando invita alla presentazione di progetti tutti i soggetti ammissibili al contributo come indicati   all’art. 4 commi 1, 2 e 3 del  Regolamento di erogazione dell’Ente . Anche nel caso di progetti proposti da una rete di partenariato tutti i componenti della rete devono  risultare ammissibili al contributo della Fondazione Carivit.

ESCLUSIONI
Sono esclusi dalla partecipazione tutti i soggetti di cui all’art. 4 comma 4 del medesimo Regolamento.
Qualora il soggetto richiedente sia già risultato assegnatario per l’anno 2020 di altro contributo a valere su altri bandi di concorso della Fondazione, la richiesta presentata ai sensi del presente bando non sarà ritenuta ammissibile; analoga esclusione  vige anche laddove tale assegnazione riguardi un partner della rete di partenariato.
Nel caso di progetti proposti da una rete di partenariato ciascun partner non potrà partecipare, pena l’esclusione di tutti i progetti in cui esso è presente, ad altri progetti a valere sul presente Bando.

Gli interessati potranno  presentare le domande di contributo alla Fondazione Carivit – via Cavour, 67-Viterbo - tel: 0761/34.42.22; e-mail: segreteria@fondazionecarivit.it,  entro il  10 giugno 2020 .

Le richieste dovranno essere presentate esclusivamente utilizzando gli appositi moduli dedicati scaricabili dal sito internet della Fondazione, sia nel caso di domanda  presentata da  un singolo soggetto che  da una rete di partenariato: in tal caso  l’ente capofila è responsabile della presentazione formale del progetto e dell’invio alla Fondazione di tutta la documentazione necessaria.

Le domande dovranno  contenere tutte le informazioni e i documenti richiesti.  In particolare:
   • la precisa identificazione del soggetto proponente e dei soggetti responsabili della conduzione dell’iniziativa;
   • dettagliata descrizione della iniziativa presentata comprensiva dell’analisi dei bisogni;
   • l’ indicazione dei benefici attesi  dall’attuazione dell’iniziativa;
   • il piano finanziario dell’iniziativa e le eventuali  altre forme e fonti   di finanziamento.

Alla domanda  dovranno essere allegati:
   • accordo di partenariato (laddove la domanda di contributo  riguardi una  rete di partenariato);
   • atto costitutivo e statuto vigente (ad esclusione degli  Enti Pubblici ed ecclesiastici);
   • profilo indicante il possesso di adeguata esperienza nel settore di riferimento unitamente alla descrizione della struttura organizzativa  del soggetto richiedente (ad esclusione degli  Enti Pubblici)
   • ultimo bilancio approvato e copia della dichiarazione dei redditi  nonché un bilancio previsionale relativo all’esercizio 2020 ( ad esclusione degli  Enti Pubblici);
   • per gli enti locali delibera di approvazione della iniziativa che si intende realizzare da parte dell’organo competente;
   • dichiarazione e informazioni  amministrative in caso di assegnazione del contributo;
   • consenso al trattamento dei dati personali di cui  al Regolamento UE 2016 – 679.

Tutti i dati verranno trattati nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento UE 2016 – 679.

MODALITA’  PER LA DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO
Agli effetti del rispetto dei termini di scadenza previsti dal presente bando per le domande pervenute a mezzo plico postale si farà riferimento alla data  del timbro postale di spedizione.
Saranno ammesse a istruttoria le domande contenenti tutti gli elementi richiesti dal presente bando, sottoscritte dal legale rappresentante  del soggetto richiedente  e che contengano il  consenso al trattamento dei dati personali di cui  al Regolamento UE 2016 – 679.
E’ riservata, in ogni caso,  alla Fondazione la facoltà di richiedere  eventuali chiarimenti o  documentazione suppletiva.
Sono esclusi i progetti la cui realizzazione  sia  già entrata in esecuzione   al momento dell’invio della richiesta di finanziamento.
Salvo straordinarie e motivate eccezioni  saranno altresì esclusi   iniziative e progetti  ripetitivi  ed analoghi  a quelli già finanziati in esercizi precedenti.

CRITERI PREFERENZIALI NELLA SELEZIONE DELLE DOMANDE
Vengono privilegiati interventi e servizi sociali destinati a rimuovere o superare  situazioni di bisogno e difficoltà  a favore di coloro che vivono una condizione di fragilità: anziani, diversamente abili, minori e giovani in difficoltà emarginati e persone a rischio anche con attività di difesa della salute pubblica nel territorio

Tenuto conto dell’obiettivo di valorizzare le  espressioni del Terzo Settore e della collettività nelle aree interessate dagli interventi,  sono preferiti progetti proposti da una rete di partenariato a cui partecipano almeno tre soggetti di cui due almeno del Terzo settore. Qualora partecipi un ente locale o altri enti pubblici questi possono aderire come capofila assicurando il cofinanziamento  quota parte del progetto con risorse economiche proprie.

Non sono ammissibili al finanziamento costi relativi a:
- copertura di costi di gestione dell’attività ordinaria;
- acquisto di materiali di consumo non specificamente funzionali al progetto;
- spese di studio e consulenza per l’elaborazione dei progetti; - iniziative già concluse;
- spese non coerenti con le azioni/finalità previste dal progetto;
- spese effettuate prima della presentazione della domanda;
- spese la cui documentazione probatoria non consenta di attribuirle univocamente all’attività, evento o iniziativa finanziata. - fatturazioni incrociate tra i soggetti partecipanti al progetto.

Non sono inoltre ammissibili al  finanziamento costi per:
   • prestazioni fatturate da membri degli organi, dipendenti, o soggetti appartenenti all’organizzazione beneficiaria e/o a società ad essa riconducibili;
   • valorizzazione delle attività di volontariato prestate dai volontari per la realizzazione del progetto in misura superiore al 20% dei costi totali.

Criteri di valutazione
Ogni progetto sarà valutato in centesimi secondo i seguenti criteri  con a fianco  i rispettivi pesi percentuali:
Criterio


Coinvolgimento di altri soggetti del territorio (rete di partenariato) - 25%
Coerenza del progetto con  le esigenze  della comunità all’interno della quale si svolgerà il progetto 20%
Sostenibilità dell’intervento e adeguatezza del cofinanziamento 20%
Innovatività della proposta 15%
Livello di  definizione degli  obiettivi   e loro rilevanza  per la comunità all’interno della quale si svolgeranno le azioni.  10%
Grado di dettaglio  del piano di intervento  articolato  in fasi, azioni, tempi, ruoli, strumenti e risorse 5%
Completezza e coerenza documentale 5%
totale 100%



ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE AI BENEFICIARI
Gli organi della Fondazione deliberano entro il 30 giugno   2020, la scelta dei progetti da finanziare ed il relativo ammontare di intervento  fino alla concorrenza delle risorse disponibili, dandone tempestiva comunicazione ai beneficiari.
Analoga comunicazione riguarderà i richiedenti non ammessi a contributo.
L’assegnazione del finanziamento avverrà con insindacabile decisione della Fondazione.
Gli atti deliberativi relativi alle  ammissioni a contributo  saranno  disponibili presso la Segreteria   o sul sito internet  della Fondazione.
L’approvazione del progetto avviene, per coerenza e rispetto  con le finalità prefissate dallo stesso, nel presupposto dell’ attuazione integrale del progetto medesimo.
La Fondazione si riserva la facoltà di rimodulare il proprio  contributo qualora in sede di realizzazione dell’iniziativa si riscontrasse una modificazione in senso riduttivo dell’impegno complessivo del progetto.
La Fondazione si riserva altresì  la possibilità  di revoca della concessione  del contributo, in caso di mancato    conseguimento degli obiettivi fissati dal progetto.

CONDIZIONI PER L’EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI
L’erogazione dei contributi concessi sarà effettuata alle condizioni che verranno fissate dalla Fondazione in relazione alle caratteristiche specifiche di ciascun progetto finanziato.
La Fondazione si riserva di effettuare controlli finalizzati al monitoraggio del progetto finanziato, per la  verifica del corretto impiego dei contributi e per  la valutazione dei risultati conseguiti.
I soggetti beneficiari dei contributi dovranno  dare inizio all’attuazione dell’iniziativa, previa comunicazione alla Fondazione,  non oltre la data   del  31 dicembre 2020.
Trascorso inutilmente tale termine, senza adeguata motivazione, la Fondazione si riserva di assumere specifiche delibere di revoca dei contributi.

PUBBLICITA’

L’avviso del concorso viene pubblicato in data 29 aprile 2020 sul sito internet www.fondazionecarivit.it.


Viterbo,  29 aprile 2020

IL PRESIDENTE
dott. Marco Lazzari

SCARICA LA MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DEL BANDO WELFARE DI COMUNITA’ PER SINGOLO RICHIEDENTE

SCARICA LA MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DEL BANDO WELFARE DI COMUNITA’ PER RETE DI PARTENARIATO
SCARICA IL FAC SIMILE PER LA LETTERA DI PARTENARIATO
SCARICA IL FAC SIMILI PER L'ACCORDO DI PARTENIARIATO


 
Torna ai contenuti | Torna al menu